Casa San Giuseppe, Damasco, SIRIA

Come possiamo continuare la nostra missione dopo tanti anni di guerra, che non è ancora finita? Sofferenza, crisi economica, costo della vita elevato, pandemia… Siamo 3 Suore al servizio della popolazione che il Signore ci invia.

La nostra Casa di Damasco non ha chiuso le porte neppure nei momenti più difficili: un ostello accoglie 40 giovani universitarie, cristiane e musulmane provenienti da regioni lontane e che vivono insieme fraternamente… Incontri di promozione della donna sono offerti regolarmente alle donne rifugiate che abbiamo accolto con i loro bambini. In collaborazione con la Famiglia vincenziana, accompagniamo numerosi movimenti di giovani (JMV e altri) e di adulti. La nostra scuola, frequentata da 650 alunni, il 10% dei quali sono musulmani, non ha ancora dimenticato la protezione divina accordataci dopo essere stata colpita da diverse granate mentre i bambini erano in classe. Cerchiamo di aiutare il più possibile le famiglie degli alunni, rispettando la dignità di coloro che sono stati feriti dalla vita e dalla guerra.

Siamo molto riconoscenti per la condivisione e l’incoraggiamento della Compagnia, della Provincia e per l’aiuto da parte di Associazioni e di benefattori. In tutte le nostre opere, la prima preoccupazione è la promozione delle persone a livello umano, educativo, morale e spirituale.  Il Signore ci aiuti a vivere la nostra missione nella fede e a essere segni di Pace e di Speranza!

Articoli simili

Belgio-Francia-Svizzera

Un segno del Signore

Su richiesta della Prefettura e in collaborazione con la Croce Rossa, l’“Oeuvre du Berceau de Saint Vincent de Paul” ha accolto gli ucraini sfollati a

Leggi di più…