Comunità itinerante di Cabo Delgado al servizio degli sfollati a causa della guerra

La situazione degli sfollati nel Nord del Mozambico ha scosso la nostra sensibilità, il nostro cuore e la nostra mente, ricordando che “Alla scuola del Figlio di Dio, le Figlie della Carità imparano che nessuna miseria può essere loro estranea. Cristo chiama continuamente la Compagnia attraverso i fratelli e le sorelle sofferenti, i segni dei tempi e a la Chiesa. Molteplici sono le forme di povertà… (C. 11).” Allo stesso modo, il tema della nostra Assemblea ci invita e ci sfida ad andare incontro ai nostri fratelli e sorelle sofferenti.

Il Consiglio Provinciale, dopo la riflessione, la consultazione con le Suore della Provincia e la comunicazione con Dom Luis Lisboa, Vescovo di Pemba, ha offerto la nostra disponibilità e collaborazione per vari servizi agli sfollati in quella regione per un periodo di quattro mesi: da gennaio a maggio 2021. Il Vescovo ha accettato con grande gioia e abbiamo iniziato la missione il 7 gennaio 2021 con quattro suore. Siamo felici di servire i nostri fratelli e sorelle che soffrono a causa dei conflitti armati scatenati dai terroristi.

Servire Gesù nelle persone sfollate a causa della guerra

“In verità vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me.” (Mt 25,40)

Il lavoro è iniziato a Pemba, la capitale della Provincia, dove gli sfollati arrivati con le barche e portati nei campi attendevano il reinserimento. Questo servizio è stato realizzato in collaborazione con la Caritas Diocesana di Pemba. Sono stati distribuiti diversi kit: cibo, cucina, igiene, abbigliamento e prodotti agricoli; sono state fatte anche brevi celebrazioni della Parola in piccoli gruppi. In seguito, le Suore della Comunità itinerante/mobile si sono trasferite nel distretto di Montepuez e sono state accolte dall’equipe missionaria della Missione San José del Santuario di Nostra Signora di Fatima, dove risiedono anche loro. All’inizio erano quattro suore e, grazie alla generosità della Provincia, le suore si sono offerte volontarie per servire a turno in questa missione. Attualmente sono sei, due delle quali sono suore del Seminario in formazione apostolica.

Montepuez è la seconda città di Cabo Delgado, Pemba. Ci sono quattro campi di reinserimento con circa duemila famiglie in ogni centro. La maggior parte degli abitanti sono donne, anziani e bambini. Vivono in estrema povertà.

Queste persone sono state obbligate a lasciare la loro terra e tutti i loro averi, fuggendo dal terrore, dalla guerra e dalla violenza che hanno devastato la regione settentrionale della provincia di Cabo-Delgado dal 2017. Hanno percorso lunghe distanze a piedi, attraversato foreste per molti giorni e sono arrivati ai centri di accoglienza feriti, malati, disidratati e sfigurati; alcuni membri delle loro famiglie si sono persi nelle foreste e non si sa se siano vivi o morti.

Il nostro servizio a queste persone sfollate include anche la visita alle famiglie nelle loro capanne, l’essere vicini a loro con un atteggiamento di accoglienza e un ascolto attento delle loro storie cariche di profonda tristezza e dolore. Li incoraggiamo anche a cercare di coltivare la speranza e la fiducia in Dio, che è il nostro unico rifugio, anche se è ancora molto difficile accettare la condizione di estrema povertà e il fatto che hanno visto i loro familiari decapitati dai terroristi. Molte famiglie piangono inconsolabilmente quando condividono con noi l’agonia che hanno vissuto nei loro villaggi. Hanno perso tutto ciò che avevano di più caro… le loro famiglie e la terra in cui sono nati.  Si trovano privati di tutto e vivono in un’atmosfera di insicurezza, sfiducia, paura e incertezza.

Nel nostro servizio, collaboriamo con le Suore Francescane Missionarie di Maria che risiedono a Montepuez; insieme, cerchiamo di convincere le famiglie a costruire le loro case perché non hanno un posto dove posare il capo (cfr. Lc 9,58). Queste case sono fatte con risorse locali come bambù, argilla ed erba e noi sosteniamo il loro sforzo dando teloni come materiale per il tetto.   Distribuiamo coperte, stuoie, porte, cibo confezionato, vestiti e altri oggetti necessari. Assistiamo i malati e indirizziamo quelli con malattie gravi a un centro gestito da Medici senza Frontiere. Assicuriamo anche l’accompagnamento spirituale e distribuiamo oggetti religiosi come il rosario e insegniamo a pregarlo.

Provincia del Mozambico

Articoli simili

Belgio-Francia-Svizzera

Un segno del Signore

Su richiesta della Prefettura e in collaborazione con la Croce Rossa, l’“Oeuvre du Berceau de Saint Vincent de Paul” ha

Leggi di più…