Figlie della Carità all’ONU

Le Figlie della Carità di San Vincenzo de Paoli lavorano alle Nazioni Unite per influenzare le politiche che riguardano le persone che vivono la povertà, l’ingiustizia, la sofferenza o l’esclusione. Il loro servizio le chiama ad essere coinvolte in questioni come la mancanza di una casa, il traffico di esseri umani, lo sradicamento della povertà, i diritti delle popolazioni indigene, il cambiamento climatico, le migrazioni e altro ancora. Come la Compagnia, anche le Nazioni Unite sono impegnate a «non lasciare indietro nessuno». Attraverso questa serie di documenti mensili, intendiamo mostrare i collegamenti tra le prospettive delle Nazioni Unite, della Compagnia e della Chiesa.
Ultimo articolo

Non Possiamo Tacere!

Questo opuscolo offre l'opportunità di riflettere sull'ONU nel contesto della nostra chiamata come Figlie della Carità. La mia speranza è che offra una tabella di marcia per pregare, riflettere e pianificare la nostra Assemblea Generale. Lo faremo alla luce del Vangelo e del dono del Carisma che ci è stato dato da San Vincenzo e Santa Luisa. Credo che i nostri fondatori sarebbero d'accordo: "Non possiamo tacere".

Figlie della Carità all’ONU archivi