Figlie della Carità all’ONU

Le Figlie della Carità di San Vincenzo de Paoli lavorano alle Nazioni Unite per influenzare le politiche che riguardano le persone che vivono la povertà, l’ingiustizia, la sofferenza o l’esclusione. Il loro servizio le chiama ad essere coinvolte in questioni come la mancanza di una casa, il traffico di esseri umani, lo sradicamento della povertà, i diritti delle popolazioni indigene, il cambiamento climatico, le migrazioni e altro ancora. Come la Compagnia, anche le Nazioni Unite sono impegnate a «non lasciare indietro nessuno». Attraverso questa serie di documenti mensili, intendiamo mostrare i collegamenti tra le prospettive delle Nazioni Unite, della Compagnia e della Chiesa.

Ultimo articolo

Il nostro pianeta è ancora al pronto soccorso

All'apertura del vertice sull'implementazione del clima della COP27 a Sharm el-Sheikh, in Egitto, il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un patto storico tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo per unire le forze e orientare il mondo verso la riduzione delle emissioni di carbonio, la trasformazione dei sistemi energetici e la prevenzione di una catastrofe climatica.

«L'umanità ha una scelta da fare: cooperare o morire. Si tratta di un patto di solidarietà per il clima o di un patto di suicidio collettivo», ha detto il Segretario generale delle Nazioni Unite agli oltre 100 leader mondiali riuniti per la prima plenaria ufficiale della Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico.

Sulla Terra ci sono 8 miliardi di persone. Ma non è questa la causa del cambiamento climatico, dicono gli scienziati. Non è il numero di persone, ma «il modo in cui viviamo», afferma Katharine Hayhoe di Nature United.

Quest'anno, in vista della COP27, le Nazioni Unite hanno chiesto spazi inclusivi per la società civile: «Hanno sottolineato il ruolo essenziale della società civile nel promuovere l'azione per il clima e hanno esortato l'Egitto a garantire una partecipazione sicura e significativa alla conferenza, anche per i gruppi indipendenti».

Nonostante le sfide presentate, le varie confessioni religiose hanno fatto sentire la loro voce organizzando più di 40 eventi collaterali, meditazioni, interventi e azioni per suscitare ambizione e sensibilizzazione nei confronti della nostra casa comune. Le Suore cattoliche erano tra le migliaia di attivisti che spingevano i leader mondiali a impegnarsi per ridurre le emissioni e finanziare le perdite e i danni derivanti dai cambiamenti climatici nel Sud del mondo.

I giovani erano sotto i riflettori e hanno avuto maggiore risalto alla COP27. Il Segretario esecutivo delle Nazioni Unite per il Cambiamento Climatico ha promesso di esortare i governi non solo ad ascoltare le soluzioni proposte dai giovani, ma a incorporarle nel processo decisionale e politico. I giovani hanno fatto sentire la loro voce attraverso il primo padiglione unico nel suo genere, dedicato ai bambini e ai giovani e il primo Forum sul clima guidato dai giovani.

Entro il 2050, fino a 216 milioni di persone potrebbero essere costrette a sfollare per effetto dei cambiamenti climatici. I Paesi delle Isole del Pacifico lottano per garantirsi un futuro prima che l'innalzamento del livello del mare li inghiotta. Sono in prima linea sul fronte della crisi climatica, nonostante abbiano contribuito per meno dello 0,03% delle emissioni totali di carbonio nel mondo. E per aggirare le condizioni calamitose causate dal cambiamento climatico, stanno adottando misure disperate per salvaguardare la loro esistenza. Un Paese è più della sua terra, un Paese è il suo popolo, la sua natura, la sua cultura, le sue tradizioni, la sua storia e la sua capacità di autogovernarsi come nazione. Ma senza un territorio sovrano su cui poggiare, un Paese può continuare a esistere?

La Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27), si è conclusa con una decisione storica di istituire e rendere operativo un fondo per le perdite e i danni. Tuttavia, né il tema della migrazione né quello della delocalizzazione sono stati affrontati nella COP27. Inoltre, un impegno a "ridurre gradualmente i combustibili fossili" sembrava destinato a venir meno dopo che i paesi produttori di petrolio si sono opposti. Per sapere che cosa si può fare per contribuire a combattere la crisi climatica, visitare il sito: https://www.unep.org/interactives/things-you-can-do-climate-emergency/  

Suor Michelle Loisel, Figlia della carità

Figlie della Carità all’ONU archivi